In libreria: “Dialoghi scaleni” di Roberto Marzano

dialoghiscaleni
La copertina di Davide Marzano

Chi ha la fortuna di conoscere personalmente Roberto Marzano, di aver assistito ad una sua performance, sa bene quanto il suo modo di scrivere derivi dal suo modo di stare su un palco e viceversa: accompagnato dalla fedele chitarra, con un tono sempre a cavallo tra il surreale, il beffardo e il pensieroso.

Dialoghi scaleni” non si discosta, in questo, dai lavori precedenti. Anche qui l’attenzione è tutta per le piccole cose che – apparentemente – neppure lo meriterebbero, di stare in una poesia, eppure la raccolta riesce a trasmettere quanto questi piccoli oggetti impoetici (siano essi social network o canarini in gabbia, bollette da pagare o crisantemi di plastica) meriterebbero in realtà un posto d’onore, perché sono proprio loro a costituire l’ossatura fondamentale delle nostre vite.

RobertoMarzano
Roberto Marzano. Si definisce “narratore e poeta senza cravatta, chitarrista, cantautore naif e bidello alternativo”.

Compito difficile quello di analizzare una poetica che rifiuta l’analisi dei propri soggetti, per concentrarsi sugli oggetti stessi: in questo Marzano riprende e continua il filone di altri poeti “non laureati” liguri, ma aggiungendoci l’ironia ed il punto di vista disincantato sulle cose che solo un poeta-bidello (non un accademico quindi, e neppure uno studioso) può permettersi. Ma come si diceva l’analisi è cosa troppo difficile (e soprattutto poco utile per capire meglio questo autore), meglio quindi lasciar parlare i versi:

LA CENA DELLE EFFE

Non mi farò sopraffare dal traffico malefico
né soffocare da sformati di falafel asfittici
io sfarfalleggio all’infinito, non so star fermo
e francamente me ne infischio, strafottente
degli spifferi funesti di metafore e fantasmi…

M’affligge chi famelico si fionda
su beffarde fettuccine funghi e fango
farfugliando affanno e frasi senza offesa
goffe ed affrante come krapfen sgonfi
come fanti di fiori offesi da fiacchi stufati
stufo di fiabe-truffa e di falsi suffissi…

Strofe trifolate con fagiolini metafisici
saffiche fiorentine affamate di finestre
fate fedifraghe, falene sul soffitto
sfrontate figlie di fantomatici fauni
riflessi nelle finte forme in fil di ferro…

Intanto un flan di frattaglie strafritte
mi sfalda il fegato, me lo fa a fette
poi con un puf che soffia fallimento
deflagra in un frappè di frutta sfatta
servito da filosofi in frac e farfallino
che fan strofe febbrili di fornace
in questa folle, folle cena delle effe
che fame non toglie proprio a nessuno
se dopo il formaggio arriva… il for-giugno!


dialoghiscaleniRoberto Marzano
DIALOGHI SCALENI

90 pp. (formato PDF)

ISBN 978-88-98572-34-2

Opera vincitrice della prima edizione del Premio Nazionale di Poesia “La Bormida al Tanaro Sposa“, sezione silloge inedita

Matisklo Edizioni, “Comete”: collana di poesia a cura di Carlo Molinaro

Leggi di più
Acquista
Anteprima gratuita

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...