Il 15 maggio tornano le “voci digitali” a Torino per il Salone OFF

coverpetrigliano
Giuliano Petrigliano, “Poesie inutili”, copertina di Raffaele Bellizio

Anche nel 2015 Matisklo porterà le sue “voci digitali” al Salone Internazionale del Libro di Torino. Venerdì 15 maggio, a partire dalle ore 21, saremo alla libreria-torteria Luna’sTorta, nel quartiere di San Salvario (Via Belfiore 50), per una serata di poesia e musica in compagnia di ben sei autori: Francesco Deiana (con “Storia della filosofia a sonetti“), Effe Sòla (con “Essenze a-mare“), Giuliano Petrigliano (del quale presenteremo in anteprima assoluta le “Poesie inutili“, la cui copertina, firmata da Raffaele Bellizio, potete vedere sulla destra), Nicola Salvini (con “I poeti segreti“), Franco Trinchero (con “Verbali d’infrazione“) e Giulia Vay (con “Parole di prima e di poi“). Per Matisklo introdurranno Fabio Barricalla, Carlo Molinaro e Cesare Oddera. L’evento fa parte della rassegna “Salone OFF – il Salone fuori dal Salone“, la cornice di iniziative direttamente collegate al Salone del Libro organizzata in locali e librerie cittadine. Ore 20 aperitivo e buffet con ottimo cibo; ore 21 inizio della serata di lettura.

matisklo_locandina

Clicca qui per l’evento Facebook

storiadellafilosofiaasonettiStoria della filosofia a sonetti” di Francesco Deiana. Il trattato filosofico e scientifico in versi si usò molto nella letteratura antica e poi fin verso il Romanticismo: andiamo da Esiodo e Lucrezio fino ai poemetti didascalici del Settecento (lo Spolverini, l’Arici per esempio). Ma nel XXI secolo è un’idea bizzarra e coraggiosa una raccolta di sonetti che percorra la storia della filosofia mondiale, dalle origini alla modernità, da Eraclito a Sartre. Francesco Deiana si è cimentato in questo intento e, con un paziente lavoro, è giunto a un buon risultato. I suoi versi istruiscono e divertono e ci accompagnano in modo assolutamente originale attraverso il pensiero degli uomini che, lungo il corso dei millenni, hanno contribuito a formare la nostra cultura e la nostra società.

essenzeamarecoverEssenze a-mare” di Effe Sòla. Un esordio maturo, questo “Essenze a-mare” di Effe Sòla, uno dei poeti più interessanti di questi ultimi anni. Polemica e impietosa, l’autrice costruisce un libro perfettamente calibrato, diviso in nove parti, ciascuna composta da tre poesie, fatta salva la quarta: in tutto, venticinque pezzi. Alle tematiche satiriche prevalenti, che richiamano l’indignatio del poeta latino Giovenale («E guardavi con rabbia chi non ti ha più guardata / dopo averti sfruttata / nella lite sfruttate le vostre poltrone / per un tregua fasulla / c’ero io con ali fragili / ma sempre ali / oggi pronte per aprirsi / in un volo / che neppure voi sapete»), se ne affiancano di più leggere, impressionistiche per così dire («Credi nel suono che ha la parola / Amore / Senza che io ti chiami / Senza che io rompa il silenzio / Pieno e colmo di urla / Forsennate»): l’insieme acquisisce un significato complessivo che fa di questo libro non una semplice raccolta di poesie, ma un compatto e robusto macrotesto in cui ogni singolo tassello del mosaico va letto e interpretato sia singolarmente sia mettendolo in relazione con gli altri.

ipoetisegreticoverI poeti segreti” di Nicola Salvini. Una poesia moderna e viva, quella di Nicola Salvini (Torino, 1959), che da subito prende le distanze dall’autorefenzialità e dall’accademismo di certa lirica contemporanea per gettare uno sguardo universale sul nuovo secolo, in una generale riflessione sulla condizione umana e sul presente. Il tempo de “I poeti segreti” non è mai privato, ma comune, condiviso, storico, che – come bene afferma Paolo Scatarzi nel suo “Invito alla lettura” – «richiama costantemente l’uomo a idee di principio. A (sol)levare lo sguardo dalla meschinità dell’attimo». Versi liberi ad andamento narrativo, filastrocche, cantilene, neologismi ed onomatopee che convivono e condividono versi con termini antichi, mutuati da quella tradizione classica che traspare senza mai essere esibita. E soprattutto canzoni, eredità importante di un autore giunto alla poesia dal mondo della canzone d’autore, e che fa della «ricerca di un ritmo impercettibile, ma solido e costante» – per citare ancora Scatarzi – una cifra stilistica fondamentale.

coverVerbali d’infrazione” di Franco Trinchero. Dalla “Nota al testo” di Giorgio Barberi Squarotti: Franco Trinchero è un grande viaggiatore in versi, con la caratteristica che è soltanto sua di far coincidere luoghi, occasioni, incontri d’arte e di vita con il giudizio morale, il brivido dei sensi, la meditazione sul significato delle cose e delle esperienze, il fervore dei sentimenti e l’immagine della morte; e il tutto è tuttavia attraversato dall’ironia, dal gioco, dallo stupore dell’imprevedibile variazione degli sguardi, dei commenti, delle visioni, delle apparenze e delle apparizioni e delle presenze di figure femminili, come accompagnatrici ora favolose, ora fin troppo carnali, ora fuggenti e allusive. I viaggi di Trinchero sono quelli di un’Europa antica nella quale, d’improvviso, si inseriscono ora in modo grottesco ora in modo sfrenato e corrosivo ora come sfida rivoluzionaria le novità delle mode, delle tecnologie appena inventate, della giovinezza immemore di passato; ma sono anche quelli della sua città, di Torino, e ne pronuncia allora i nomi come quelli dell’esotismo più lontano sull’orlo della geografia storica, delle guide turistiche, degli itinerari d’aerei e treni.

parolediprimaedipoiParole di prima e di poi” di Giulia Vay. La poesia di Giulia Vay coglie nel segno: questa raccolta Parole di prima e di poi, sua opera prima, colpisce per l’immediatezza nitida con cui comunica un vasto affresco teso fra interiorità e descrizione attenta del mondo, un quadro affascinante in cui ogni lettore ritroverà qualcosa di sé, e da cui si sentirà in qualche modo cambiato.
I diritti d’autore derivati dalla vendita di questo eBook saranno interamente devoluti all’Associazione «Lab121» di Alessandria, che si impegna a sostenere il lavoro dell’arte in ogni sua forma.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...